Rinomanometria - Prenota l'esame medico online

Rinomanometria

Descrizione

Rinomanometria cos’è?

La rinomanometria è un’indagine diagnostica applicata in medicina che permette di valutare la funzionalità nasale mediante misurazione del flusso respiratorio. Essa viene eseguita con uno strumento chiamato rinomanometro; si tratta di uno strumento, di facile utilizzo, costituito da una sorta di maschera collegata ad un computer in grado di elaborare i dati e di misurare e registrare non solo il flusso respiratorio nasale ma anche le resistenze al passaggio dell’aria rappresentate dalle varie strutture anatomiche che costituiscono il naso.

 

Rinomanometria a cosa serve?

Si tratta di un accertamento utile per la valutazione complessiva della situazione nasale in riferimento al passaggio dell’aria e alla diagnosi delle alterazioni eventualmente presenti a carico di questo organo.

 

Rinomanometria quando farla?

Le indicazioni all’esecuzione di questo esame sono in genere date dall’esigenza di stabilire una terapia in caso di patologie nasali di diversa natura già diagnosticate, ad esempio allergica o vasomotoria, che interessino componenti strutturali del naso come il setto oppure i turbinati. Nel caso del russamento, la rinomanometria fa parte degli accertamenti che ne definiscono il quadro patologico, insieme alla rinofibrolaringoscopia, alla teleradiografia e alla polisonnografia (vedi link). Quest’indagine viene anche eseguita quando si vuole valutare l’efficacia terapeutica di un trattamento già messo in atto.

 

Rinomanometria come si fa?

Il rinomanometro è costituito da una specie di maschera a tenuta che viene indossata dal paziente. L’indagine rinomanometrica può essere anteriore o posteriore. Nel primo caso una sonda viene inserita in una narice e il paziente, di regola seduto, viene invitato a respirare con l’altra tenendo la bocca chiusa; in questo modo si ottiene la misura della resistenza al flusso d’aria opposto dalla singola fossa nasale.

Nel secondo caso è necessario invece introdurre un sondino nell’orofaringe e il paziente respira attraverso entrambe le narici a bocca chiusa. Si misura così la resistenza nasale totale.

Qesto accertamento può essere eseguito in modalità basale, ossia senza somministrazione di stimolanti della mucosa nasale, oppure dopo l’azione esercitata su di essa mediante cambiamenti di posizione del paziente. Si parla di rinomanometria attiva quando il paziente respira da solo e passiva quando viene insufflata aria nelle narici con il soggetto da esaminare che trattiene il respiro. La maschera del rinomanometro è collegata ad un computer che effettua la misurazione e la registrazione del flusso d’aria che passa attraverso il naso unitamente alla resistenza opposta dalle strutture anatomiche del naso stesso. Si tratta di un accertamento appartenente alla sfera dell’otorinolaringoiatria, branca specialistica della medicina che si occupa specificamente delle malattie dell’orecchio, del naso e della gola. Non è necessario l’impiego di un anestetico.

 

Rinomanometria preparazione

Non sono richieste al paziente misure particolari di preparazione a questo esame, fatta eccezione per la sospensione, una settimana circa prima della rinomanometria, dell’uso di farmaci per migliorare la funzionalità respiratoria, come ad esempio i farmaci attivi sulla vasomotricità nasale.

 

Rinomanometria fa male o ha qualche controindicazione?

La rinomanometria nasale è un test indolore, senza controindicazioni particolari, che dura circa 10 minuti.

 

Note

Al momento non sono da evidenziare note riferite a questa prestazione.

Visite Specialistiche

Fisioterapia

  • Fisioterapia

Prevenzione

Medicina Estetica

Cerchi una struttura
dove prenotare
e acquistare
questa prestazione?

Per accedere al servizio devi acconsentire al trattamento dei tuoi dati personali. Leggi l'informativa sulla privacy