Risonanza Magnetica Mammella - Prenota l'esame online

Rmn Mammella

Descrizione

RMN mammella cos’è?

La Rmn mammella, ossia la risonanza magnetica nucleare della mammella, è una metodica diagnostica per immagini che consente lo studio e la valutazione della mammella tramite l’impiego di un campo magnetico e di un mezzo di contrasto paramagnetico costituito in genere da chelati di gadolinio.

 

RMN mammella a cosa serve?

Si tratta di un esame molto utile per l’indagine diagnostica di patologie mammarie anche se non è in grado di sostituire la mammografia come esame di screening del carcinoma della mammella. Questo tipo di accertamento viene utilizzato, in pratica, per ottenere elementi diagnostici supplementari, da considerare unitamente alle informazioni ottenute con l’esame mammografico e con la visita senologica, in una ristretta popolazione femminile.

 

RMN mammella quando farla?

Le indicazioni all’esecuzione di questo accertamento, di solito richiesto durante o dopo una visita senologica, sono costituite dalla necessità di indagare donne che presentano:

  • Elevato rischio di sviluppo di carcinoma mammario su base genetico-familiare
  • Mutazioni dei geni Brca 1 e Brca 2
  • Carcinoma duttale in situ, iperplasia duttale atipica
  • Mammelle di densità particolarmente elevata
  • Valutazione di protesi mammarie

Oltre a Rmn alla mammella, possono essere effettuate altre indagini al seno tra cui:

 

RMN mammella come si fa?

La risonanza magnetica della mammella viene eseguita con l’utilizzo di un mezzo di contrasto paramagnetico, il gadolinio, a parte i casi in cui si debbano valutare le protesi mammarie. La paziente si sdraia in posizione prona sul lettino di esame in modo che le mammelle vengano raccolte in specifiche cavità tramite un apposito supporto.

Sono impiegate le opportune bobine per indurre il campo magnetico. Qualora si presentino sintomi claustrofobici, essi possono essere dominati facilmente con opportuni farmaci sedativi. È importante la disponibilità di assistenza nel caso di reazioni allergiche. La durata dell’esame è di circa un quarto d’ora.

 

RMN mammella preparazione

La paziente deve essere a digiuno da almeno sei ore e deve mettere al corrente il medico in caso di allergie conosciute. È necessario eseguire le opportune analisi del sangue per la valutazione dei parametri di funzionalità dei reni.

 

RMN mammella fa male o ha qualche controindicazione?

Si tratta di un esame senza dolore, a parte il lieve fastidio dovuto all’ago utilizzato per iniettare il mezzo di contrasto per via endovenosa. La risonanza magnetica è controindicata per coloro che hanno in corpo frammenti metallici e a chi è portatore di pacemaker cardiaco o di clips metalliche utilizzate per pregresse riparazioni di aneurismi arteriosi. Fanno eccezione, e sono quindi compatibili con la risonanza magnetica alla mammella, gli apparecchi di questo genere costruiti in modo da poter funzionare senza pericolo sotto l’effetto di campi magnetici. L’impiego dei chelati di gadolinio è controindicato in gravidanza, nell’insufficienza renale importante e in caso di allergia.

Note

Al momento non sono da evidenziare note riferite a questa prestazione.

Visite Specialistiche

Fisioterapia

  • Fisioterapia

Prevenzione

Medicina Estetica

Cerchi una struttura
dove prenotare
e acquistare
questa prestazione?

Per accedere al servizio devi acconsentire al trattamento dei tuoi dati personali. Leggi l'informativa sulla privacy