TAC singolo distretto con MDC - Prenota l'esame online

Tac Qualsiasi Singolo Distretto con MDC

Descrizione

TAC con mezzo di contrasto cos’è?

La TAC con mezzo di contrasto, ossia la tomografia assiale computerizzata con mezzo di contrasto, è una metodica diagnostica radiologica impiegata in medicina utilizzando radiazioni ionizzanti (raggi X) e un mezzo di contrasto (MDC).

Questa tecnica di indagine permette l’acquisizione di immagini dettagliate in due e/o tre dimensioni degli organi e delle strutture che si vogliono valutare. I raggi X attraversano il corpo umano nell’area prescelta e vengono attenuati dai tessuti colpiti da queste radiazioni. L’apparecchio TAC elabora i segnali ricevuti dagli organi e, grazie a un computer li trasforma in immagini che permettono la valutazione diagnostica.

Il mezzo di contrasto è in genere costituito da sostanze iodate che consentono una qualità di dettaglio migliore delle immagini.

Il radiologo, ossia il medico specializzato in radiologia, è in genere colui che formula la diagnosi dopo aver visionato le immagini prodotte dalla TAC. Gli apparecchi impiegati per questa indagine sono costantemente aggiornati e migliorati consentendo oggi risultati molto più dettagliati e precisi rispetto al passato (ad esempio TAC spirale e TAC multistrato).

 

TAC con mezzo di contrasto a cosa serve?

Si tratta di un mezzo indicato per valutare svariate patologie di numerosi organi del corpo umano in tutti i settori specialistici della medicina, tra i quali, ad esempio, l’oncologia, la medicina interna, la gastroenterologia, la neurologia e l’ortopedia.

 

TAC con mezzo di contrasto quando farla?

Le indicazioni all’utilizzo della TAC con MDC sono numerose. Risulta efficace, ad esempio, per chiarire dubbi diagnostici differenziali, per accertare la diffusione e l’estensione di una patologia tumorale, oppure per valutare l’efficacia terapeutica di un trattamento. Inoltre permette di ottenere diagnosi accurate su lesioni importanti come quelle del sistema nervoso, degli organi addominali, dell'apparato muscoloscheletrico. È indicata in tutte le situazioni in cui si sospettano traumi, emorragie, lesioni, ischemie o tumori.

 

TAC con mezzo di contrasto come si fa?

Il paziente generalmente viene fatto accomodare in posizione supina sul lettino di esame che poi è introdotto nell’apparecchio TAC, una sorta di grosso cilindro. Il mezzo di contrasto iodato viene generalmente somministrato per via endovenosa. Durante l’accertamento è possibile che venga richiesto al soggetto esaminato di trattenere il respiro quando è necessario. La durata dell’esame varia a seconda delle necessità diagnostiche. Deve essere sempre garantita l’assistenza immediata in caso di manifestazioni allergiche.

 

TAC con mezzo di contrasto preparazione

Il paziente deve essere a digiuno da almeno sei ore. In caso di manifestazioni allergiche conosciute, il medico deve essere informato. Generalmente viene consegnato al paziente un questionario specifico da riempire e firmare. Sono necessari accertamenti ematochimici per valutare la funzionalità dei reni.

 

TAC con mezzo di contrasto fa male o ha qualche controindicazione?

La sostanza iodata, in casi rari, può provocare reazioni allergiche, Per questo motivo è necessaria la disponibilità di una rapida assistenza.

Note

Al momento non sono da evidenziare note riferite a questa prestazione.

Visite Specialistiche

Fisioterapia

  • Fisioterapia

Prevenzione

Medicina Estetica

Cerchi una struttura
dove prenotare
e acquistare
questa prestazione?

Per accedere al servizio devi acconsentire al trattamento dei tuoi dati personali. Leggi l'informativa sulla privacy